E’ scontro tra il ministro dell’Interno Matteo Salvini e l’Associazione nazionale magistrati sulla legittima difesa. Quello del governo è un disegno di legge di cui “non avevamo bisogno e che può essere molto rischioso“, ha affermato il presidente dell’Anm, Francesco Minisci, ribadendo le critiche sul ddl depositato al Senato ed esprime “allarme” per “una eventuale ‘liberalizzazione‘ della vendita di armi: siamo contrari alla vendita nei supermercati”.

“La legge regolamenta già in maniera adeguata tutte le ipotesi di legittima difesa”, precisa il magistrato. “Se approvato, rischierebbe addirittura di legittimare reati gravissimi, fino all’omicidio. Non si può prescindere – spiega – dal principio della proporzionalità fra offesa e difesa e dalla valutazione, caso per caso, del giudice: se un soggetto minaccia di schiaffeggiarmi o di sottrarmi un bene, io non posso reagire sparandogli; se, da fuori casa, vedo un tizio che si arrampica sul mio balcone, non posso essere autorizzato a sparargli”.

La risposta del capo del Viminale è arrivata dopo poche ore:”Il sindacato dei magistrati (Anm) oggi ha attaccato le proposte di legge della Lega sulla legittima difesa perché inutili e rischiose – scrive il ministro dell’Interno su TwitterInvasione di campo? Tutto normale? Io tiro dritto, la difesa è sempre legittima”.