La 28a edizione del Gran Premio Nuvolari è pronta ad aprire i battenti: le date da segnare sul calendario sono quelle del 14, 15 e 16 settembre. Si tratta di una manifestazione di regolarità riservata ad automobili d’interesse storico (costruite tra il 1919 e il 1972) e organizzata da Mantova Corse insieme a Automobile Club Mantova e Museo Tazio Nuvolari.

Saranno 300 gli equipaggi in arrivo a Mantova – due terzi dei quali stranieri, provenienti da tutto il mondo – e 43 le case automobilistiche in gara: dalle italiane Maserati, Fiat, Lancia, Alfa Romeo, OM e Ferrari alle inglesi Triumph, Jaguar, Aston Martin e Bentley; dalle statunitensi Ford, Chrysler e Chevrolet, alle tedesche Mercedes, BMW e Porsche.

“Una parata di leggendarie vintage cars che con le loro carrozzerie perfettamente conservate ripercorrono la storia dell’automobile dal primo dopo guerra ai mitici anni ’70, passando per lo stile inconfondibile della Dolce Vita”, recita una nota ufficiale. Le vetture si raduneranno in Piazza Sordello, cuore culturale di Mantova.

La manifestazione si articolerà in 3 tappe per un totale di oltre 1.000 km. Nella prima i concorrenti andranno da Mantova, attraverso la Pianura Padana e gli Appennini, fino alla Riviera Adriatica. Nella seconda, dopo la partenza da Rimini, le auto attraverseranno le bellezze di Toscana, Umbria e Marche, transitando per i centri storici di Siena, Arezzo, Città di Castello e Urbino e ritorneranno a Rimini.

La terza e ultima tappa sarà dedicata alle prove cronometrate, transitando da Cesena, Meldola, Forlì e Faenza, ospiti della Scuderia Toro Rosso. Dopo le prove del Circuito Ariosteo di Ferrara, il rientro a Mantova, città natale di Tazio Nuvolari, dove i vincitori sfileranno sul palco di piazza Sordello.

Senza dimenticare la “Coppa Nuvolari – Maserati Tribute”: una gara nella gara, in cui si confronteranno 10 Maserati (marchio che è main sponsor del Gran Premio Nuvolari) costruite tra il 1973 e il 2018. Fra le vetture del Tridente ci sarà anche la mitica 6C-34: nel 1934 Tazio Nuvolari ci vinse sul Circuito di Modena e si aggiudicò la Coppa Principessa di Piemonte sul Circuito di Napoli. La vettura n.1 del Gran Premio, appartenente alla Collezione Umberto Panini di Modena, sarà esposta per i tre giorni di gara in piazza Sordello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Toyota, oltre un milione di auto ibride richiamate in tutto il mondo

prev
Articolo Successivo

Astronavi come auto da corsa, per la Nasa la tentazione si chiama pubblicità

next