“Una volta abbattuto, società Autostrade come prevede il contratto che la lega allo Stato, deve al più presto ricostruire il ponte per renderlo fungibile”. Così il presidente della regione Liguria Giovanni Toti, ha risposto da Cernobbio alle parole del vicepremier Luigi Di Maio sulla ricostruzione del viadotto crollato il 14 agosto scorso.

La scelta di Fincantieri, a guida di un Ati di imprese, per ricostruire il ponte Morandi a Genova “è quello che vogliono tutti. Perché dovremmo fare diversamente?”: il presidente della Liguria Giovanni Toti lo ha chiesto in conferenza stampa a margine del workshop Ambrosetti di Cernobbio.  “Questa – ha aggiunto – è una decisione squisitamente politica che vede convergenti Comune, Regione e, per una volta, il governo”.  “Siamo tutti d’accordo di far costruire il ponte a un’azienda pubblica e se il governo vuole favorirci – ha concluso – fa un decreto Genova” per poter derogare al codice degli Appalti e quindi tagliare i tempi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ilva, c’è l’accordo tra Mittal e sindacati: 10.700 assunzioni subito e zero esuberi. Calenda: “Complimenti a Di Maio”

prev
Articolo Successivo

Tap, Di Maio: “M5s era e rimane contrario. Il dossier è sul tavolo del Presidente del Consiglio”

next