Andrea Dovizioso domina in solitaria il Gran premio di San Marino. Nel 13° appuntamento del motomondiale, il pilota Ducati stacca di un secondo e sette decimi il leader del mondiale Marc Marquez e conquista la seconda posizione in classifica piloti, scavalcando Lorenzo e Rossi. Terzo, ma distante, l’inglese Cal Crutchlow. Quarto lo spagnolo Rins su Suzuki. A Valentino Rossi non riesce la rimonta: il Dottore chiude in settima posizione, la stessa da cui era partito, staccato di venti secondi da Dovizioso.

Desmodovi, la gara perfetta – “Non mi aspettavo di vincere in questo modo ma abbiamo fatto tutto in modo perfetto, sin dai test abbiamo lavorato molto bene e siamo arrivati qui con una base molto buona”, commenta il pilota di Forlì. “Lorenzo era fortissimo e battere Marquez è sempre difficile. Sono contento anche perché non avevo mai vinto a Misano, ed era qualcosa che ho sempre voluto fare”, ha aggiunto.

E quella di Desmodovi, in effetti, è stata una super gara: partito quarto, si porta subito in testa, dominando senza interruzioni dal secondo giro. Verso il finale il duo Lorenzo-Marquez alle sue spalle gli mette paura, recuperando quattro decimi in un solo giro. Ma lo spagnolo della Ducati, partito dalla pole, rovina tutto cadendo in curva a poche centinaia di metri dalla fine: era secondo, chiuderà diciassettesimo. La seconda piazza passa a Marquez, partito quinto, che all’ultimo giro rinuncia all’inseguimento.”E’ stato molto, molto difficile: lottare contro le Ducati è davvero un altro mondo”, dichiara lo spagnolo a fine gara. Sfortunato Jack Miller: l’australiano, che partiva dalla seconda posizione, ha tenuto il quarto posto fino al quarto giro, quando è incappato in una caduta, chiudendo diciottesimo.

Rossi solo settimo – La Yamaha di Valentino Rossi non è riuscita a tenere i ritmi di Honda e Ducati. Il numero 46 è rimasto per tutta la gara tra l’ottavo e il settimo posto, in cui poi ha chiuso. Vale però può sfruttare la debacle di Lorenzo per conservare il terzo posto nella classifica piloti, con 21 punti di distacco sullo spagnolo. Il suo compagno in Yamaha, Maverick Viñales, finisce quinto. Prossimo appuntamento col il 23 settembre, ad Alcañiz, per il Gran premio di Spagna: al comando del mondiale c’è sempre saldamente Marquez, con 67 punti di vantaggio su Dovizioso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Motogp, a Misano pole per Lorenzo. Dovizioso quarto, settimo Valentino

prev
Articolo Successivo

Fenati è nel torto. Ma sta pagando un prezzo maggiore di chi ha sbagliato prima di lui

next