“Non compro mai nei festivi, per rispetto dei lavoratori”. “Fare acquisti di domenica è una comodità a cui non vorrei rinunciare”. Nei clienti finali suscita reazioni contrastanti l’orientamento del governo di porre limiti alla liberalizzazione delle aperture degli esercizi commerciali. Ne abbiamo parlato con i cittadini in strada. Per alcuni è una questione di libertà: “Non metterei limiti: ogni esercente è libero di aprire quando gli va e così ogni cliente è libero di fare acquisti quando ha tempo”. Per altri è giusto salvaguardare il diritto al riposo nei festivi contro le pretese del dio mercato: “Le festività devono essere destinate alla famiglia”. Per altri ancora sarà difficile tornare indietro: “Ormai la tendenza è trovare supermercati e centri commerciali sempre aperti, i piccoli esercizi non possono reggere la concorrenza”. Ma c’è chi vede un possibile compromesso: “l’importante è che i lavoratori abbiano turni regolari di riposo e nei festivi percepiscano gli straordinari”. E voi come la pensate?

Quanto siamo disposti a metterci in gioco per il cambiamento, noi cittadini italiani? Fino a che punto siamo pronti a modificare convinzioni e comportamenti per rendere migliore la nostra vita in comune e venire incontro ai diritti degli altri? Muove da tale curiosità – che rovescia il consueto schema della contestazione all’establishment – la rubrica di vox populi che il fattoquotidiano.it presenta oggi in edizione rinnovata e con nuovo titolo: “Italiani come noi“. Dopo le centinaia di puntate di “Uomo da marciapiede”, Piero Ricca torna a girare per le strade d’Italia con telecamera e microfono. Per confrontarsi con gli italiani reali sui temi più caldi del momento e così contribuire al racconto umano di un paese in trasformazione

di Piero Ricca, riprese e montaggio Alessandro Sarcinelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaticano, Scaraffia: “Nel clero pedofili e gay. Tanti si fanno preti per paura delle donne, che per la Chiesa non esistono”

next
Articolo Successivo

Isabella, ‘quel brutto male’ e un disegno per vivere

next