“Io, eletto dal popolo”. La frase è risuonata negli anni, pronunciata da Silvio Berlusconi, quando era – o dopo esserlo stato – presidente del Consiglio. Ora, dopo che Matteo Salvini ha ricevuto la notifica dell’avviso di garanzia dalla Procura di Palermo per il caso Diciotti, è lo stesso segretario della Lega ha tirarla fuori: “Io sono un organo dello Stato votato da voi (lo dice indicando gli utenti Facebook che stanno guardando la diretta, ndr) ed eletto dal popolo, non come i magistrati”. Peccato, però, che l’articolo 92 della Costituzione dica i ministri vengono nominati dal presidente della Repubblica su proposta del presidente del Consiglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Diciotti, Salvini mostra in diretta Facebook l’avviso di garanzia: “Sono indagato, qualcuno vuole fermarmi”

prev
Articolo Successivo

Salvini: “Primo atto giudiziario nei miei confronti”. Ma nel ’99 venne condannato per oltraggio a pubblico ufficiale

next