“Io, eletto dal popolo”. La frase è risuonata negli anni, pronunciata da Silvio Berlusconi, quando era – o dopo esserlo stato – presidente del Consiglio. Ora, dopo che Matteo Salvini ha ricevuto la notifica dell’avviso di garanzia dalla Procura di Palermo per il caso Diciotti, è lo stesso segretario della Lega ha tirarla fuori: “Io sono un organo dello Stato votato da voi (lo dice indicando gli utenti Facebook che stanno guardando la diretta, ndr) ed eletto dal popolo, non come i magistrati”. Peccato, però, che l’articolo 92 della Costituzione dica i ministri vengono nominati dal presidente della Repubblica su proposta del presidente del Consiglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso Diciotti, Salvini mostra in diretta Facebook l’avviso di garanzia: “Sono indagato, qualcuno vuole fermarmi”

next
Articolo Successivo

Salvini: “Primo atto giudiziario nei miei confronti”. Ma nel ’99 venne condannato per oltraggio a pubblico ufficiale

next