Più fondi dall’Ue per ridurre i flussi. E sulla Libia una conferenza in Italia a novembre. Sono i risultati del vertice tenuto a Palazzo Chigi al termine delle due ore di vertice sul tema delle migrazioni e sulla nuova crisi in corso in Libia. “Nel corso della riunione di oggi su immigrazione e Libia – si legge nel comunicato rilasciato dalla presidenza del Consiglio al termine della riunione tra Giuseppe Conte, Matteo Salvini e Enzo Moavero Milanesi – abbiamo preso atto positivamente dell’impegno dei ministri degli Esteri, assunto a Vienna il 31 agosto scorso, di trovare una soluzione comune per distribuire le persone salvate in mare tra i vari Stati membri”.

“Anche in vista del vertice dei Capi di Stato e di governo del 20 settembre a Salisburgo – è l’obiettivo cui punta l’esecutivo Lega-M5s – la priorità dell’Italia resta quella di ottenere più fondi nel bilancio dell’Unione europea, rispetto a quelli attualmente previsti, per gli interventi di sviluppo socio-economico dei Paesi da cui partono i migranti. L’obiettivo è creare le condizioni per ridurre le partenze“. “Il governo è soddisfatto per i risultati fin qui ottenuti – si legge ancora – e l’Italia si sta anche battendo affinché siano resi più efficaci gli accordi bilaterali per il rimpatrio nei Paesi di origine di coloro che non hanno diritto d’asilo“.

“Sono stati inoltre definiti alcuni dettagli sulla Conferenza sulla Libia che si terrà in Italia nel mese di novembre”, si legge nel comunicato, che dà per scontato un appuntamento che solo poche ore fa veniva considerato un obiettivo da autorevoli membri del governo: “L’unico modo per risolvere la questione libica è convocare il prima possibile la conferenza di pace di cui parliamo da mesi”, affermava nel pomeriggio il vicepremier e ministro del lavoro Luigi Di Maio. “Il governo resta estremamente concentrato nel seguire gli sviluppi in atto in Libia nell’auspicio di un superamento delle attuali tensioni”, conclude il documento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, Delrio: “Non prendo lezioni da Toninelli, finora solo chiacchiere. Basta ergersi a tribuni”

prev
Articolo Successivo

Di Maio nel gioco dei quattro cantoni: dal reddito di cittadinanza alle elezioni europee

next