Truffa aggravata ai danni dell’Unione europea. È questa l’accusa per quattro suore dell’ordine di Santa Elisabetta per cui il pm di Arezzo, Julia Maggiore, ha chiesto il rinvio a giudizio. Si tratta di due religiose di Arezzo e due di Firenze. Secondo l’accusa le imputate avrebbero utilizzato pacchi alimentari ricevuti attraverso fondi europei (Fead) destinati all’aiuto degli indigenti destinandoli a strutture convenzionate.

I fatti, che risalgono al periodo compreso tra il dicembre 2016 e il 15 novembre 2017, sono emersi durante un controllo della Guardia di finanza aretina, con tanto di foto dei pacchi con il marchio dei fondi europei. Le suore di Sant’Elisabetta però respingono completamente i fatti definendo “maldicenze” quanto accaduto. Sarebbero tre gli istituti dell’Aretino gestiti dalle suore di Santa Elisabetta finiti nell’inchiesta condotta dalla procura di Arezzo. Il valore dei pacchi era di ottomila euro. In particolare pacchi per 3.200 euro ad Arezzo, per 2.558 a Policiano (Arezzo) e i rimanenti alla struttura casentinese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Salvatore Caiata archiviato: “Chi giudicò troppo in fretta dovrebbe chiedere scusa”

next
Articolo Successivo

Affittopoli Roma, la corte dei conti condanna la società di Alfredo Romeo: risarcimento da un milione di euro

next