Sono proseguite tutta la notte le ricerche delle vittime e dei superstiti lungo il torrente Raganello, nel parco del Pollino, in provincia di Cosenza, dopo che l’ondata del fiume ha sorpreso un numero ancora imprecisato di escursionisti. Nella notte i parenti e gli amici delle persone coinvolte si sono radunati davanti alla palestra comunale di Civita, dove sono state raccolte le salme. All’interno della struttura si è proceduto al riconoscimento dei morti. “L’allerta meteo c’è stata” ha confermato il procuratore capo di Castrovillari, Eugenio Facciolla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, siamo tutti costruttori ma ci manca la cultura della manutenzione

next
Articolo Successivo

Calabria, i vertici del parco del Pollino: “L’accesso alle gole è libero, non c’è un piano di sicurezza”

next