Oltre 350 persone, di cui 220 negli ultimi 11 giorni, sono morte nel Kerala a causa dei monsoni che stanno devastando lo stato nel sud dell’India da maggio. Lo riporta il Guardian citando una note delle autorità indiane nella quale si precisa che i danni alle infrastrutture ammontano a 3 miliardi di dollari. Alluvioni e venti forti hanno distrutto 134 ponti lasciando completamente isolate diverse comunità e migliaia di persone. Sono invece 680.000 gli sfollati che hanno trovato rifugio nelle oltre 1.500 strutture di accoglienza allestite nel Kerala.

Ieri il premier indiano, Narendra Modi, ha sorvolato le aree più colpite e ha promesso un ulteriore aiuto alle famiglie di 56 milioni di sterline. “Il paese è vicino al Kerala in queste ore difficili”, ha twittato Modi. Il servizio meteorologico ha avvertito che le piogge continueranno con la stessa intensità per i prossimi due giorni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Austria, Putin al matrimonio della ministra di ultradestra Karin Kneissl. Polemiche da Kiev: “Non siete neutrali

prev
Articolo Successivo

Grecia fuori dal 3° e ultimo piano di aiuti di Bruxelles. Nessuna celebrazione, atteso il discorso del premier Tsipras

next