Sean Ono Lennon e James McCartney insieme. A 50 anni dallo scioglimento dei Beatles (e quasi 40 anni dopo la morte di John) i figli dei due membri del gruppo si sono scattati un selfie insieme. La foto, pubblicata su Instagram, ha fatto letteralmente impazzire i fan. Come didascalia c’è solo “peekaboo“, l’espressione inglese che sta per “cucù”. Nell’immagine si vede Sean Lennon, 42 anni, unico figlio di John e Yoko Ono, con al suo fianco c’è James McCartney, figlio di Paul e Linda, che tiene in mano una chitarra.

Peekaboo…

Un post condiviso da Sean Ono Lennon (@sean_ono_lennon) in data:

Un’immagine più unica che rara, che è stata come un colpo al cuore per i fan dei Beatles. Lo scatto che celebra una coppia storica della musica è stato condiviso da migliaia di persone che hanno sottolineato la somiglianza con i padri illustri. “È come se John e Paul si guardassero allo specchio“, ha scritto qualcuno nei commenti.

I due ragazzi sono entrambi musicisti (John ha pubblicato due album, Into the Sun nel 1998, Friendly Fire nel 2006 e diversi singoli, mentre James ha collaborato più volte col padre), ma sanno bene che seguire le orme dei padri non sia cosa facile, né scontata. E a quanto pare Sean e James devono anche essere amici. L’erede di Lennon qualche tempo fa aveva condiviso anche un altro scatto nostalgia in compagnia di un altro “figlio dei Beatles”: Dhani Harrison, 40, nato dall’amore tra George e Olivia Trinidad Arias.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brindisi, l’emiro del Qatar torna a trovare l’anziana signora che lo ospitò 21 anni prima: ecco la loro storia

next
Articolo Successivo

Gino Paoli organizza un concerto per Genova: “Raccogliere soldi serve sempre. Più fatti, meno parole”

next