Il ministro norvegese della Pesca Per Sandberg, populista di destra e difensore di politiche anti-immigrati dagli anni ’90, si è dimesso dopo aver rivelato la sua relazione con l’ex Miss Iran e rifugiata iraniana Bahareh Letnes. Sotto accusa non tanto la vita privata della coppia, ma il fatto che abbia viaggiato con la nuova compagna in Iran e in Cina senza avvisare preventivamente l’esecutivo, come previsto dalle leggi norvegesi. A rivelarlo è stato il quotidiano Dagens Næringsliv. Nel pomeriggio una riunione straordinaria del consiglio di Stato ha ufficializzato le dimissioni, con il via libera del re Hardal, e nominato il sostituto Harald Nesvik.

Due i viaggi privati che vengono contestati a Sandberg. L’ex ministro, è l’accusa, non avendo avvertito prima di partire e avendo portato con sé il cellulare di servizio, ha messo a rischio la sicurezza norvegese. Secondo la premier Erna Solberg, ha trasgredito le norme di sicurezza poiché l’Iran è considerato un Paese “ad alto rischio”, assieme con la Cina e la Russia, per la sua “vasta rete di sorveglianza elettronica”. I servizi di sicurezza hanno sequestrato il telefono dell’ex ministro appena rientrato ad Helsinki. L’opposizione ha attaccato Sandberg anche per un altro motivo: essendo una rifugiata la sua fidanzata non sarebbe potuta tornare nel Paese d’origine.

Ministro della Pesca dal 2015 e deputato da oltre vent’anni, Sandberg si è sempre battuto contro l’apertura delle frontiere per i non europei e per l’espulsione degli immigrati in Norvegia. I giornali locali ricordano in particolare l’episodio in cui prese a pugni un immigrato che, trovatoselo davanti, l’aveva insultato: “Ricco, grasso, razzista”. Tremila corone di multa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna, cede passerella durante un concerto rap a Vigo: più di 300 feriti

next
Articolo Successivo

Londra, auto si schianta contro le barriere del Parlamento. Il conducente arrestato e portato via dalla polizia

next