Pettorina rossa con tanto di simbolo sul petto, smartphone acceso per registrare “l’impresa” e via con la ricerca del venditore ambulante di turno. Ieri, sabato 11 agosto, un gruppo di militanti di Casapound, con in testa il consigliere municipale Luca Marsella, ha raggiunto la spiaggia di Ostia con l’intento di allontanare gli ambulanti abusivi e ha pubblicato il video propagandistico sulla propria pagina Facebook. Lo scorso anno il movimento di estrema destra aveva fatto la stessa cosa, col prefetto Domenico Vulpiani che aveva bollato l’incursione come “atto di forza che non può essere tollerato”.
“Sono in deficit di visibilità in un contesto politico dove dal governo ogni giorno si scagliano le paure e i disagi sociali contro i migranti. La banda di vigliacchi di Casapound di Ostia aggredisce i più deboli, invece che affrontare l’illegalità dei più forti, la criminalità organizzata del litorale con la quale alcuni di loro intrattengono relazioni amichevoli”. A dirlo è il deputato e consigliere comunale di LeU, Stefano Fassina. Che aggiunge: “La sindaca e la presidente di Municipio denuncino al prefetto quanto accaduto. Il ministro dell’Interno, nonostante il suo orientamento, intervenga per riaffermare che la funzione dei controlli la svolgono le istituzioni preposte“.
Per Stefano Pedica, del Partito democratico, si tratta della “solita pagliacciata della destra xenofoba”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio militare, Salvini: “Valutarne il ritorno, è educativo”. Il ministro Trenta: “Idea romantica non al passo coi tempi”

next