Uno 007 di colore al servizio di sua Maestà. Dopo 56 anni potrebbe cambiare l’immagine che abbiamo sempre avuto dell’agente segreto più famoso del mondo. James Bond 25 è pronto per il primo “ciack” e sarà l’attore nero Idris Elba. A rivelarlo sono alcune indiscrezioni che trapelano proprio dallo staff del film, secondo cui l’attore 45enne britannico, di origine africana, è il candidato numero uno a prendere il posto di Daniel Craig, che ha interpretato l‘agente 007 dal 2006 negli ultimi quattro film della lunghissima saga cinematografica.

Se così fosse, sarebbe una novità assoluta: un segno dei tempi che cambiano e, probabilmente, un segnale che vuole essere lanciato al mondo. Dopo oltre 50 anni, la rivoluzione culturale può partire anche da un’emblema del cinema mondiale, con il personaggio di James Bond che ha attraversato e conquistato diverse generazioni. Il nuovo film è atteso nelle sale del Regno Unito il 25 ottobre 2019 e il tabloid britannico Daily Star racconta i retroscena dell’incontro tra il regista Antoine Fuqua e Barbara Broccoli, la produttrice cinematografica statunitense che da oltre vent’anni si occupa dei film della saga legata al personaggio dei romanzi di Ian Fleming. Proprio la producer americana avrebbe riferito a Fuqua che “uno 007 nero prima o poi arriverà“. E il nome indicato sarebbe proprio quello di Idris Elba: “Se sarà in forma, c’è bisogno di un tipo con una forte presenza fisica e Idris ce l’ha” ha spiegato Barbara Broccoli.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nella mente di Robin Williams, su Sky il documentario che racconta la vita tormentata del genio del cinema

prev
Articolo Successivo

Pierfrancesco Favino: “Io nella cappa di D’Artagnan. Lo confesso: sono caduto da un’asina ferma”

next