Per la prima volta, nelle campagne della Capitanata, la raccolta del pomodoro è ferma. È frutto della scelta dei braccianti stranieri, dopo i due incidenti costati la vita a 16 colleghi. “Vogliamo un contratto” o “quando c’è, che questo venga rispettato”. Le richieste sono quelle di sempre, perché ogni volta vengono accantonate. Si lavora per dieci, 12 ore al giorno per 3,50 euro a cassetta o all’ora. La pausa consentita è di 30 minuti, anche nel periodo più torrido e con il termometro che segna 40 gradi. “Se non ti sta bene e sei troppo lento – raccontano – domani ne prendono un altro e tu sei fuori“. Quei 30 minuti, però, “vengono detratti dal conto totale“. E non è l’unica voce che contribuisce a decurtare ulteriormente la cifra percepita: una bottiglietta d’acqua costa 50 centesimi, un panino 1,50 euro. E persino raggiungere il terreno dove sarà effettuata la raccolta ha un prezzo: 5 euro. Tanto costano quelle carrette riempite ben oltre il limite e sulle quali hanno trovato la morte i 16 ragazzi, nei giorni scorsi. Di qui l’appello, durante il corteo: “Ai ministri Salvini e Di Maio chiediamo di andare a interrogare i nostri caporali. Loro nascondono la verità, calpestando la nostra dignità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foggia, “il caporalato non va ridotto a un problema di mafia. Nulla è cambiato dal 2011, sfruttato oltre 1/3 dei braccianti”

next
Articolo Successivo

Ryanair, anche la Germania aderisce allo sciopero di venerdì 10: quasi 400 voli cancellati in Europa

next