Sono loro i “magnifici nove” che dal 2019 affronteranno i primi voli turistici su navette costruite da aziende private in grado di portare equipaggi umani nello Spazio, la CST-100 Starliner della Boeing e la Crew Dragon, la versione della capsula della SpaceX destinata al trasporto “turistico”. La Nasa ha presentato oggi i primi equipaggi che torneranno a volare su veicoli spaziali americani dopo l’uscita di scena dello Space Shuttle, nel luglio 2011: “Si apre una nuova era per il volo umano”, ha detto l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine. Sei veterani voleranno assieme alle nuove leve, li accompagneranno verso lo Spazio in questa nuova avventura.

Dei nove astronauti, due di loro sono donne e in cinque sono assegnati ai voli di test (tre per la Starliner della Boeing e due per la Crew Dragon della SpaceX), quattro affronteranno invece le prime missioni. A bordo della Starliner per la fase di test ci sarà Eric Boe, pilota sperimentatore dell’Aeronautica degli Stati Uniti, selezionato nel 200 fra gli astronauti della Nasa, che ha partecipato all’ultimo volo dello Shuttle. Con lui un altro veterano dello Shuttle, Christopher Ferguson, passato nel 2011 dalla Nasa e poi alla Boeing, e una donna, Nicole Aunapu Mann, pilota sperimentatore: selezionata come astronauta della Nasa nel 2013, affronta il suo primo volo.

A bordo della Crew Dragon, nella fase di test, ci saranno Robert Behnken, astronauta della Nasa dal 2000 e veterano dello Shuttle con sei passeggiate spaziali al suo attivo, e Douglas Hurley, pilota sperimentatore diventato astronauta della Nasa nel 2000 e veterano dello Shuttle.

Alla prima missione della Starliner sono stati assegnati Josh Cassada, pilota sperimentatore entrato a far parte degli astronauti della Nasa nel 2013, al suo primo volo, e la veterana dello spazio Sunita Williams, che ha a lungo detenuto il record della donna con più ore in orbita. E’ stata anche comandante della Stazione Spaziale e ha al suo attivo sette passeggiate spaziali.
Allal prima missione della Crew Dragon parteciperanno invece Victor Glover, pilota sperimentatore diventato astronauta della Nasa nel 2013, al primo volo, e Michael Hopkins, di origini libanesi, pilota sperimentatore e veterano dello Shuttle con due passeggiate spaziali al suo attivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giovanni Gallavotti, un italiano vince il premio Poincaré: è il Nobel per la fisica matematica. Lui: “Nelle motivazioni il mio percorso culturale”

prev
Articolo Successivo

Notte di San Lorenzo, ecco perché si potranno vedere più stelle cadenti quest’anno. Ma il picco sarà il 12 agosto

next