Ahed Tamimi, la diciassettenne palestinese in prigione da otto mesi per aver reagito ai soldati israeliani, è stata liberata. Da ieri, però, è in carcere l’artista napoletano di origini olandesi Jorit Agoch, che a Betlemme aveva realizzato un murale con il volto di Tamimi. Lo street artist è stato fermato insieme a un altro italiano e a un ragazzo palestinese. Nel video, si vede il momento del fermo da parte delle autorità israeliane. Secondo la polizia israeliana, Jorit sarebbe accusato di aver “danneggiato e imbrattato la Barriera di difesa nella zona di Betlemme”.
In una nota della Farnesina si legge che il nostro Ministero “segue, in stretto raccordo con il consolato generale a Gerusalemme e l’ambasciata a Tel Aviv, il caso dei due italiani fermati a Betlemme, ai quali sta prestando ogni possibile assistenza, in contatto con le autorità locali e le famiglie. Il console italiano si è prontamente recato nel luogo di detenzione a Gerusalemme insieme al legale di fiducia del consolato che, in tarda notte, ha potuto incontrare i connazionali”.

Video Twitter

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Questa ragazza risponde alla molestia, ma lui torna sui suoi passi e la aggredisce. Le immagini riprese dalle telecamere

prev
Articolo Successivo

Zimbabwe, urne chiuse per le prime elezioni del dopo Mugabe: hanno votato cinque milioni e mezzo di elettori

next