Medaglia d’oro nel fioretto individuale femminile ai campionati del mondo di scherma di Wuxi per Alice Volpi, che vince il titolo di campionessa del mondo la prima volta nella sua carriera. La 26enne senese ha sconfitto per 15-12 in finale la francese Ysaora Thibus. In semifinale l’atleta francese aveva battuto l’altra azzurra in gara, Arianna Errigo, che si è poi aggiudicata la medaglia di bronzo. La Volpi è invece arrivata in finale dopo aver sconfitto la tunisina Ines Boubakri per 15-7. La senese si è laureata campionessa del mondo dopo che, lo scorso anno, aveva conquistato l’argentoLipsia.

Il presidente del Coni Giovanni Malagò omaggia su Twitter così le due fiorettiste italiane sul podio oggi: “Una certezza le nostre azzurre”. L’oro di Alice Volpi si aggiunge a quello guadagnato nella giornata di domenica dalla 33enne friulana Maria Navarria, che ha battuto nella finale di spada femminile la romena Ana Maria Popescu 13-9, conquistando così il primo titolo mondiale della sua carriera.

“È un cammino lungo e adesso voglio godermi questa emozione fortissima. È il miglior regalo di compleanno che potessi augurarmi – ha dichiarato l’azzurra a fine incontro – Ora si pensa alla gara a squadre e poi a festeggiare a casa mia a Carlino con tutta la mia famiglia e con tutte le persone che salgono con me stasera sul podio“.

La foto in evidenza è tratta dal profilo Facebook della Federscherma

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Non ero Paolo Rossi: un libro-inchiesta per ricordare Enzo Scaini, morto dopo un’operazione al ginocchio

prev
Articolo Successivo

F1 Gp Germania, le Ferrari crescono. I piloti no

next