Bagarre in aula dai banchi del Pd nel momento in cui il sottosegretario alla Giustizia, Vittorio Ferraresi, prende la parola e dice “Ho sentito una serie di inesattezze anche da chi ha fatto parte del governo in precedenza, inesattezze gravi di cui risponderanno in sede penale“. Alle parole dell’esponente dei 5stelle, esplodono le proteste. “Presidente Fico, le chiedo di richiamare formalmente il rappresentante del governo che ha appena minacciato il Parlamento: non è qui in funzione di pm”.

Ferraresi, infatti, avrebbe ignorato l’articolo 68 della Costituzione, che recita: “I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell’esercizio delle loro funzioni”.

Dopo qualche minuto il presidente della Camera, Roberto Fico, richiama i deputati Dem Luigi Marattin, Ivan Scalfarotto ed Emanuele Fiano. Quindi chiede l’intervento dei commessi per fermare la protesta di Marco Silvestroni e sospende la seduta. Alla ripresa dei lavori, Ferraresi dichiarerà: “Non era mia intenzione attaccare i deputati e quantomeno minacciare. Mi dispiace”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Meloni: “Asse Italia-Germania-Austria? Spero significhi blocco navale e stop partenze dalla Libia”

prev
Articolo Successivo

Tanto si andrà di nuovo a votare. E tutto congiura a favore di Salvini

next