Bufera sull’Unità operativa complessa di Chirurgia Vascolare dell’Ospedale del Mare di Ponticelli (Napoli), che sarebbe stata chiusa venerdì notte in occasione di una festa organizzata per il neo primario. Dopo la sospensione del medico in questione già comunicata ma in attesa di essere formalizzata, domani nel reparto è prevista un’ispezione. Tutto parte dalla denuncia del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della commissione Sanità. Borrelli ha dichiarato di aver ricevuto segnalazioni riguardo alla chiusura del reparto con dimissione di tutti i pazienti nella notte tra venerdì e sabato scorsi “per consentire a medici e infermieri di partecipare alla festa organizzata in un locale, a Pozzuoli, dal neo primario per celebrare il nuovo incarico”. Ad annunciare l’ispezione è stato il direttore generale dell’Asl Napoli 1, Mario Forlenza, che ha anche sospeso il primario, Francesco Pignatelli “per motivi cautelari con riferimento a notizie riferite da più parti”.

LA SEGNALAZIONE DI BORRELLI – Dopo aver ricevuto segnalazioni in merito alla chiusura del reparto, “per chiedere conferma sull’incredibile vicenda” Francesco Emilio Borrelli ha contattato il direttore dell’Asl Napoli 1 e il direttore sanitario dell’Ospedale del Mare, Giuseppe Russo. Florenza ha subito informato il primario della sua sospensione attraverso whatsapp, in attesa di ulteriori accertamenti. “Domani formalizzerò il provvedimento” fa sapere Florenza, sottolineando che ha convocato Pignatelli per domani mattina. Secondo Borrelli “l’intero reparto si sarebbe organizzato tra ferie, turni, malattie, affinché nessuno potesse mancare all’evento”. Per il consigliere dei Verdi si tratta di “un episodio che, se confermato, getta discredito su tutta la sanità campana”. Da qui il monito: “Tutti i protagonisti di questa vergogna devono essere sanzionati e puniti – evidenzia – Al di là del mancato rispetto di norme e regolamenti quello che mi preme sottolineare è l’assoluta mancanza di etica professionale”. In attesa di accertamenti Borrelli ha anche ringraziato i dirigenti dell’Asl Napoli 1 e dell’ospedale “per aver assicurato che su questa storia si andrà fino in fondo adottando provvedimenti esemplari a riguardo nel momento in cui fosse confermata l’intera vicenda”.

IL PAZIENTE DIROTTATO – Nel frattempo, però, viene alla luce un’altra storia che si è consumata nelle stesse ore e raccontata dal quotidiano La Repubblica. Riguarda un paziente che sarebbe arrivato prima al presidio di Ponticelli e poi, da qui, trasferito al San Giovanni Bosco, a Capodichino. Si tratta di un paziente di 70 anni affetto da una grave patologia vascolare che si è recato venerdì mattina nell’ambulatorio di chirurgia vascolare dell’Ospedale del Mare con una regolare prenotazione. Qui è stato visitato e sottoposto a ecocolordoppler. L’uomo, anni fa, aveva subìto un intervento di chirurgia vascolare al Nuovo Policlinico. L’ecocolordoppler ha evidenziato uno pseudoaneurisma dell’asse iliaco, evoluzione della patologia. Andava operato appena possibile. Solo che invece di farlo al reparto dell’Ospedale del Mare, lo specialista che lo ha visitato ha invitato il paziente a recarsi d’urgenza al San Giovanni Bosco, avvertendo telefonicamente il collega del reparto di Chirurgia vascolare di quell’ospedale. Dove è stato operato e gli è stata salvata la vita. E dove i medici confermano che rischiava di morire per emorragia. “Come si fa ad avere fiducia in una intera équipe medica che decide di chiudere un reparto di un ospedale pubblico per andare a una festa?” si domanda il consigliere Borrelli che, in attesa degli accertamenti sull’intera vicenda, sottolinea come sia “impensabile continuare ad avere questi comportamenti proprio mentre la Regione da tempo sta conducendo una battaglia feroce contro i furbetti del cartellino, gli assenteisti e i truffatori”.