Un tempo era la 190. Quella Baby-Benz che negli anni ’80 stupì e fece anche storcere il naso a più di un purista della Stella, abituato a misure extra-large. Ma quell’auto, la progenitrice dell’attuale Classe C che ora per l’ennesima volta si rinnova, era destinata a piazzarsi proprio nel cuore della gamma di Stoccarda e della sua offerta commerciale. Al punto che oggi, dopo 36 anni, ne sono stati venduti nove milioni e mezzo di esemplari nel mondo, di cui 417 mila solo nel 2017.

Per l’attuale generazione (comprensiva di varianti berlina, SW, cabrio e coupé) è arrivato come dicevamo il momento del tagliando di metà cammino, dunque sotto con gli immancabili aggiornamenti. Che non sembrano essere esclusivamente di facciata, se come dicono i tecnici tedeschi è vero che la metà (6.500) delle componenti meccaniche e l’80% di quelle elettroniche sono nuove. O, come vedremo, mutuate da “sorelle” appartenenti ad altri segmenti.

Ovviamente, ritocchi estetici (nuovi cerchi, tinte inedite, etc) a parte, parecchie delle novità sono nascoste alla vista. Come i due nuovi motori, ad esempio: si tratta di un 1.5 turbo benzina che va a sostituire il “vecchio” 2.0 e sfrutta pure la spinta elettrica (definita EQ Boost) di una rete di bordo da 48 V, e di un 1.6 diesel che arriverà più in là mandando in pensione l’unità utilizzata finora e sviluppata con Renault. Con la quale, giurano sempre i tecnici Mercedes, non ha nulla a che vedere.

L’offerta di motorizzazioni in Italia, dunque, prevede la C200 da 184 Cv benzina e le tre varianti di potenza del diesel: C180d (122 Cv), C200d (160 Cv) e C220d (194 Cv, disponibili anche in abbinamento alla trazione integrale 4-Matic). Per chi non accetta compromessi, invece, c’è anche la “cattiva” AMG C 43 4Matic, equipaggiata con un 3.0 V6 da 390 cavalli. E in futuro arriverà pure una C63 AMG, con potenza che sale a 500 Cv.

Parlavamo prima di componenti condivise. Quanto ai sistemi di assistenza, questa C rinnovata ne mutua alcuni dall’ammiraglia Classe S come lo sterzo attivo, diretto e preciso in ogni circostanza. Sul fronte infotainment, invece, c’è da registrare la presenza dell’interfaccia MBUX, che ha recentemente debuttato sull’entry level al mondo della Stella: la nuova Classe A.

Classe C, infine, sarà disponibile da luglio in cinque allestimenti (Executive, Business, Sport, Sport Plus e Premium), con un listino che parte da poco sopra i 37 mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Peugeot Rifter, ecco il van multifunzionale per il lavoro e la famiglia – FOTO

next
Articolo Successivo

Nissan Juke, un restyling (leggero) a ritmo di musica – FOTO

next