Nei loro centri i migranti venivano maltrattati, ospitati in strutture sovraffollate e con carenze igienico sanitarie. Dopo averlo scoperto, la Polizia ha arrestato sei persone responsabili di Onlus che gestiscono diversi Centri di accoglienza straordinaria (Cas) in provincia di Latina. Sono accusati a vario titolo di falso, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture e maltrattamenti. 

Nel corso dell’indagine gli uomini della squadra mobile di Latina e quelli del Commissariato di Fondi hanno effettuato diversi sopralluoghi all’interno dei centri, riscontrando le gravi situazioni di sovraffollamento e altre carenze. Inoltre, analizzando la documentazione depositata dai responsabili delle Onlus per la partecipazione ai bandi di gara indetti per l’accoglienza dei migranti, i poliziotti hanno scoperto una serie di “gravi e sistematiche” violazioni nell’esecuzione degli obblighi assunti dai gestori dei Cas in sede di aggiudicazione delle gare.

Da una intercettazione è infine emerso che una delle Onlus, di fatto, si spartiva la gestione dei richiedenti asilo con un’altra Onlus, senza alcuna comunicazione alla Prefettura di Latina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, autorizzato lo sbarco dei 113 migranti bloccati sulla nave al largo di Pozzallo. Sindaco: “Finisce il loro incubo”

next
Articolo Successivo

Lifeline: “Malta non ci autorizza a ingresso in acque territoriali”, Conte aveva annunciato l’attracco a La Valletta

next