Nei loro centri i migranti venivano maltrattati, ospitati in strutture sovraffollate e con carenze igienico sanitarie. Dopo averlo scoperto, la Polizia ha arrestato sei persone responsabili di Onlus che gestiscono diversi Centri di accoglienza straordinaria (Cas) in provincia di Latina. Sono accusati a vario titolo di falso, truffa aggravata, frode nelle pubbliche forniture e maltrattamenti. 

Nel corso dell’indagine gli uomini della squadra mobile di Latina e quelli del Commissariato di Fondi hanno effettuato diversi sopralluoghi all’interno dei centri, riscontrando le gravi situazioni di sovraffollamento e altre carenze. Inoltre, analizzando la documentazione depositata dai responsabili delle Onlus per la partecipazione ai bandi di gara indetti per l’accoglienza dei migranti, i poliziotti hanno scoperto una serie di “gravi e sistematiche” violazioni nell’esecuzione degli obblighi assunti dai gestori dei Cas in sede di aggiudicazione delle gare.

Da una intercettazione è infine emerso che una delle Onlus, di fatto, si spartiva la gestione dei richiedenti asilo con un’altra Onlus, senza alcuna comunicazione alla Prefettura di Latina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, autorizzato lo sbarco dei 113 migranti bloccati sulla nave al largo di Pozzallo. Sindaco: “Finisce il loro incubo”

next
Articolo Successivo

Lifeline: “Malta non ci autorizza a ingresso in acque territoriali”, Conte aveva annunciato l’attracco a La Valletta

next