Lo sciopero dei benzinai, in programma inizialmente a partire dalle 22 di lunedì 25 giugno fino alle 22 del giorno successivo, è stato revocato. Dopo l’incontro al Ministero dello Sviluppo economico coi rappresentati dei gestori di benzina, c’è stato l’annuncio di Luigi Di Maio: “In queste ore al Ministero dell’Economia, con Giovanni Tria che ringrazio, si sta scrivendo la norma per il rinvio dell’obbligo di fatturazione elettronica al primo gennaio 2019, che entrerà nel decreto dignità”. L’obbligo, in caso contrario, sarebbe scattato l’1 luglio. “Lo strumento della fattura elettronica è uno strumento valido, che dovrà partire quando le categorie saranno pronte” ha aggiunto Di Maio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggi 2018, Brunetta e il nuovo appello a Salvini: “Il tuo egemonismo è destinato a fallire. Vinciamo solo uniti”

next
Articolo Successivo

L’educazione civica spiegata a partire dal panino di un bimbo dai capelli rossi

next