Parte da Milano il progetto politico alternativo a Matteo Salvini. Il pranzo multietnico organizzato dal Comune al Parco Sempione non è stata solo l’occasione per riunire a tavola le innumerevoli comunità etniche che vivono nella città più ospitale d’Italia. È servito anche per lanciare la sfida al ministro dell’Interno: Matteo Salvini. “Io sono l’anti Salvini a Milano – ha affermato il sindaco, Beppe Sala – lui chiacchiera, noi facciamo i fatti”. Ha rifiutato invece il ruolo di salvatore della sinistra, smarrita e inconsistente, Roberto Saviano. “Non c’è bisogno di un leader – ha affermato lo scrittore sotto scorta e al centro di un durissimo scontro con il ministro dell’Interno – io mi sottraggo a questo ruolo perché serve una comunità perenne. È difficile costruirla, ma è nostro dovere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggi 2018, 75 comuni al voto: in Toscana Salvini contro sinistra, a Imola la grillina sfida il Pd, a Terni derby Lega-M5s

next
Articolo Successivo

Pubblica amministrazione, Bongiorno: “Impronte digitali contro gli assenteisti. Riforma del Corpo forestale? È fallita”

next