Young Signorino? Sto facendo una battaglia per la riaffermazione di certi valori culturali italiani. Siamo figli di Vincenzo Bellini, di Giuseppe Verdi, di Giacomo Puccini. Non possiamo andare a imitare ‘sti americani. Ci hanno rotto i coglioni!”. Così ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) il generale Antonio Pappalardo, leader del Movimento Liberazione Italia e apprezzato compositore di musica sacra, si pronuncia sul nuovo fenomeno giovanile, Young Signorino. E rincara, dopo aver ascoltato uno stralcio del singolo “Mmh ha ha ha” del giovane trapper: “Basta con questa musica assurda che andiamo ad imitare. Credetemi, io viaggio, vado in America, vado in Venezuela: la gente vuole risentire la bella musica italiana. Questa musica ci ha gonfiato le palle. I tatuaggi di Young Signorino? I giovani hanno bisogno di essere esuberanti ed eccentrici, i giovani devono rinnovare, però, attenzione: il rinnovamento deve avvenire secondo le proprie tradizioni. La nostra musica da 100 anni va in tutti i Paesi del mondo. La musica americana ormai è morta, ci ha rotto i coglioni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mussolini: “Salvini? Nostro leader”. Su via Almirante: “A Giuliani è dedicata aula del Senato”. Ma non è vero

prev
Articolo Successivo

Oliviero Toscani: “Salvini? È un ladro, ha rubato il lavoro a Crozza. Sarebbe un buon testimonial per la carta igienica”

next