Stava attraversando sulle strisce pedonali ma un’auto non si era fermata. Lui si è lamentato, e i tre giovani a bordo sono scesi dalla vettura per accoltellarlo. È successo a Napoli la sera di lunedì 11 giugno intorno alle ore 23. Un cittadino algerino di 53 anni è stato colpito più volte con una lama all’addome da tre ragazzi, tra i quali anche un 17enne. Sono stati i poliziotti del Reparto Prevenzione Crimine Campania a notare l’algerino che invocava aiuto mentre transitavano in via Galileo Ferraris, angolo Corso Lucci.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori della polizia, poco prima c’era stata una lite tra il 53enne, che aveva protestato per il ritardato arresto dell’autovettura in prossimità delle strisce. Il conducente del veicolo, Bruno Emanuele Borrelli, in segno di minaccia e per rispondere alle proteste del pedone aveva fatto stridere i pneumatici dell’auto. L’algerino ha, quindi, sferrato un pugno contro la Fiat Panda ed è stato in quel momento che i tre sono scesi dall’auto, lo hanno circondato e accoltellato: la vittima ha riconosciuto il minorenne in colui che ha sferrato i colpi.

Raccolte le dettagliate descrizioni fornite dall’uomo e da alcuni testimoni circa gli aggressori e l’auto sulla quale viaggiavano, sono scattate le ricerche. L’autovettura dopo poco è stata intercettata dai poliziotti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, in via Reggia di Portici altezza via Marina dei Gigli mentre transitava ad alta velocità in direzione di Corso San Giovanni a Teduccio: aveva il vetro posteriore lato passeggero infranto ed evidentissime strisce di sangue sullo sportello posteriore. I tre hanno provato anche a scappare e a disfarsi del coltello, anche quello macchiato di sangue, ma senza successo. Bruno Emanuele Borrelli, 24 anni, Ciro Paolillo, 18 anni e M.E. 17enne napoletano, sono stati arrestati per il reato di tentato omicidio aggravato in concorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova, 21enne ucciso in casa durante Tso: indagato agente che ha sparato. Gabrielli: “Presto i taser per i poliziotti”

prev
Articolo Successivo

Pontida, il 16 giugno festa dell’orgoglio terrone: il sindaco chiude centro storico, scuole e uffici comunali

next