La sua ultima intervista l’aveva rilasciata a People, che l’ha ripubblicata nel giorno della sua morte. Anthony Bourdain si è tolto la vita in una camera d’albergo in Francia, dove si trovava per girare il suo programma, Parts Unkown. “Quando è nata mia figlia ho sentito la responsabilità e il dovere di provare almeno a vivere. Mentre prima c’erano state volte in cui avevo pensato ‘ho avuto una buona vita, perché non fare questa stupida cosa, questa cosa egoista … saltare da una scogliera in acque dalle quali non potevo riemergere’. Ma ora, a posteriori, non lo farei, sono un papà o sono abbastanza felice“, queste le parole dello chef.

Una ritrovata felicità, per Bourdain, anche grazie alla sua compagna, Asia Argento: “Che io mi ricordi non sono mai stato così felice, ne sono sicuro. Ed è merito di una persona davvero forte che ho incontrato di recente”. Un passato turbolento, quello dello chef, del quale non aveva mai fatto mistero: “Ero un eroinomane e un cocainomane, e non ho mai smesso di bere. Bevevo decisamente troppo perché l’alcol era intorno a me in ogni momento ed ero sotto stress continuamente. Ma l’alcol non è mai stata una dipendenza per me“, raccontava Anthony. Oggi tutto il mondo lo saluta, con un pensiero alle sere passate davanti alla tv con i suoi indimenticabili programmi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Musica a scuola, Bollani al Fatto.it: “Ci pensavo anche io poi mi sono ricordato come si insegna storia dell’arte…”

next