A colloquio con Luigi Di Maio tra i banchi dell’esecutivo, nel corso della discussione sul voto di fiducia al suo governo a Montecitorio, il premier Giuseppe Conte ha più volte analizzato insieme al ministro del Lavoro fogli e appunti, in vista del suo intervento in Aula. Assente per diverse ore, invece, l’altro vicepremier, il ministro dell’Interno e segretario della Lega, Matteo Salvini. Arrivato intorno all’ora di pranzo, Salvini è stato pure richiamato dal presidente della Camera Roberto Fico, quando si è allontanato per parlare con il deputato leghista Gianni Tonelli. “Deve sedersi tra i banchi del governo, non può stare lì”, lo ha esortato la terza carica dello Stato. Salvini si è così scusato con un gesto delle mani con Fico, dopo qualche scambio di battute. Ma è rimasto a parlare con lo stesso Tonelli, vicino alla porta d’uscita dell’emiciclo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Cacciari: “Lega e M5s sono diversi, mi ricordo come si sono insultati. Temo deriva di pura destra”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Salvini: “Faremo centri per rimpatri chiusi, basta gente a spasso”. Sono già previsti dal decreto Minniti

next