Il pm di Milano Sergio Spadaro ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta per aggiotaggio sulla fusione tra Banca Popolare di Milano e Banco Popolare, da cui è nato Banco Bpm.

L’ipotesi della Procura, che aveva aperto un fascicolo di indagine a carico di ignoti nel gennaio dell’anno scorso, era che le due banche, malgrado avessero saputo già prima della formalizzazione della fusione dei rilievi mossi dalla Bce sulla copertura finanziaria da parte del Banco sui crediti deteriorati, non avrebbero avvertito né il mercato né gli azionisti. La richiesta del pm Spadaro dovrà essere vagliata nelle prossime settimane dal gip del Tribunale milanese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, spread sfonda il muro dei 200 punti e arriva a 207. A Piazza Affari soffrono le banche

next