E se le Ferrari “di serie” non bastassero per colmare il bisogno di esclusività di un cliente? Se non fossero abbastanza speciali per accontentarlo? A Maranello hanno la soluzione al problema: si chiama “One-Off” ed è il programma che consente ai ferraristi di partecipare alla realizzazione di una carrozzeria unica, fianco a fianco con gli uomini del Centro Stile Ferrari diretto da Flavio Manzoni. Unica condizione? L’esemplare deve sfruttare una meccanica di “ordinaria” produzione.

L’ultima nata col programma “One-Off” è la “SP38” e sarà fra le protagoniste dell’imminente Concorso d’Eleganza Villa d’Este di sabato 26 maggio: la base costruttiva è quella della 488 GTB, da cui la SP38 prende in dote il motore V8 3.9 biturbo da 670 Cv di potenza massima installato in posizione centrale, nonché il cambio doppia frizione a 7 rapporti, abbinato al differenziale posteriore a controllo elettronico.

Al momento il cliente di questa meraviglia ha mantenuto la sua identità anonima: tuttavia, per sua stessa volontà, l’auto è ispirata al mondo delle corse ed omaggia leggende come la F40 e la 308 GTB. “La massa visiva della SP38 appare concentrata sulle ruote posteriori, in virtù del design cuneiforme che si estende decisamente verso la parte anteriore”, recita un trionfale comunicato Ferrari.

Tuttavia, il vero capolavoro tecnico e stilistico riguarda la fiancata: qui la presa d’aria laterale della 488 GTB è stata completamente nascosta grazie alla “carrozzeria ripiegata su se stessa, partendo dalla linea di cintura ribassata della portiera verso il passaruota posteriore e il voletto”. Specifici pure i gruppi ottici anteriori, sottili e sportivissimi, mentre in coda è riproposto il classico motivo dei quattro fanali circolari.

Il cofano motore è privo di lunotto e in fibra di carbonio: tre lamelle trasversali provvedono a dissipare il calore generato dal V8. Particolare anche il design dello spoiler posteriore, “che confluisce senza soluzione di continuità nel parafango e nel diffusore aerodinamico sottostante”, creando quasi una cornice attorno al volume della coda. Unica persino la livrea in rosso metallizzato a triplo strato, appositamente concepita per la SP38.