Coniando un neologismo, per Ford si potrebbe parlare di “Activizzazione”, visto il fervore col quale la Casa si prepara ad allargare la platea delle sue proposte crossover: l’inedito allestimento Active, pensato per conferire maggior attitudine all’avventura ai modelli esistenti, investe non soltanto la Fiesta ma pure la piccola Ka+ e la stessa nuova Focus. L’impressione è positiva: la Fiesta Active non può avere l’appeal di originalità di altri modelli dal design specifico, ma convince – e soddisfa a tutto campo – riuscendo a smarcarsi con una certa sostanza dalla gamma convenzionale.

Fanno la differenza, intanto, gli interventi estetici estesi ai paraurti di nuova foggia, le protezioni in plastica di passaruota e fasce sottoporta nonché l’aggiunta delle barre sul tetto; il tutto armonizzato dalla rielaborazione delle sospensioni, con carreggiate allargate di 10 mm ed altezza da terra incrementata di 18 mm, per un totale di 152 mm di “luce” da sfruttare per… l’avventura.

Debutta inoltre la regolazione della dinamica di guida, che sulla Active include due programmi specifici di gestione della trazione al di fuori di quello standard: la modalità per superfici ad aderenza ridotta e quella Eco per cercare la massima economia di esercizio. Unica pecca il relativo pulsante di comando, posto sul tunnel centrale parzialmente coperto dalla leva del cambio; alla “cieca” lo si trova difficilmente (è oltretutto piccolo) e per di più è facile scambiarlo con l’adiacente pulsante per il disinserimento dell’ESP. Si poteva magari posizionarlo sul volante, che già incorpora una nutrita serie di controlli supplementari.

Anche l’abitacolo riceve cure specifiche per questo allestimento “esotico”, ricevendo sedili anteriori di foggia sportiva, rivestimenti inediti testati per lunga durata e particolare resistenza alla luce del sole, cuciture di finitura con tinta a contrasto oltre a volante e pomello cambio rivestiti in pelle. L’ambiente di bordo, già piacevole, riceve così un’ulteriore iniezione di freschezza.

Convince lo spazio, con sedute anteriori molto contenitive, postura di guida ben personalizzabile e discreta libertà di movimento posteriore se non si esagera con l’arretramento dei sedili davanti, pena il rischio di interferenza delle gambe con gli schienali di fronte. Meno esaltante la cubatura del vano di carico, solo discreta (303/984 litri) rispetto alla concorrenza; di serie il doppio fondo che aggiunge funzionalità. L’arredo è quello standard delle altre Fiesta, con finiture non ricercate ma più che adeguate e look d’insieme vistoso ma razionale; al centro, il display tattile fino a 8” del sistema Sync3 per infotainment e navigazione, quest’ultima peraltro talvolta un po’ lenta e imprecisa nelle indicazioni grafiche e verbali.

Le due motorizzazioni di base per la Fiesta Active sono il 1.0 tre cilindri Ecoboost Turbo benzina ed il 1.5 TDCi a gasolio, entrambi declinati in numerose varianti di potenza per soddisfare tutte le esigenze: spicca in particolare la versatilità del piccolo “mille” a benzina in quattro livelli di potenza, che spaziano dagli 85 cv della versione per neopatentati ai 140 cv della versione di punta che abbiamo provato. La sua evoluzione si fa tanto più apprezzabile osservando – ed apprezzando su strada – la coppia massima costante fino a 5000 giri partendo da appena 1500, poco più del minimo: al volante, in effetti, già prima dei duemila giri la risposta è pronta ed elastica, con un’erogazione vivace e piacevole che permette prestazioni brillanti (0-100 km/h in 9”4, punta massima di 200 km orari ma anche 20 km/l in media) unite ad una bella autorevolezza in sorpasso o in salita. Soddisfa lo stesso rumore di funzionamento, sempre un po’ rauco come per tutti i tre cilindri, ma in questo caso più rotondo e piacevole. Il comfort acustico della Active è peraltro molto soddisfacente, combinandosi alla guida agile, dinamica e reattiva tra le curve per offrire una qualità di marcia al tempo stesso rilassante e stimolante.

Ford Fiesta Active 1.0 Ecoboost 140 cv – LA SCHEDA

Il modello: La declinazione Active è un ulteriore allestimento della Fiesta, caratterizzato da estetica rivista in stile crossover e dall’assetto leggermente rialzato, per favorire il passaggio su leggere asperità.

Dimensioni: lunghezza 4,07 metri, larghezza 1,76 metri, altezza 1,50 metri.

Motore: 1.0 Ecoboost benzina turbo, tre cilindri in linea; potenza max 140 cv, coppia max 180 Nm a 1500-5000 giri; cambio manuale a sei rapporti; trazione anteriore.

Consumi omologati nel ciclo misto: 5,2 l/100 km.

Emissioni di CO2: 119 g/km di anidride carbonica.

Prezzo: 21.250 euro.

Ci piace: La Active è riuscita sia sul piano estetico che su quello dinamico: conserva la bella guida agile e coinvolgente delle altre Fiesta con un molleggio molto efficace sulle asperità ed una sistemazione a bordo appena più rialzata. Eccellente la resa del piccolo 1.0 da 140 cavalli.

Non ci piace: l’allestimento è molto completo ma comprende di serie solo parte degli ausili attivi alla guida, confinandone alcuni alla lista degli optional. Selettore della modalità di marcia scomodo da raggiungere in movimento.