“Sono sempre stato perplesso all’idea di dare soldi a pioggia. Poi, studiando la situazione delle politiche di welfare in Italia, si scopre ci sono molte persone, i più poveri, che non sono coperti”. Stefano Feltri, vicedirettore de Il Fatto Quotidiano, ha presentato ieri a Roma il suo libro Reddito di cittadinanza” (edito da Paper First).

“Se è vero reddito di cittadinanza a tutti i disoccupati, è un’ottima idea: si fa presto e si risparmia il costo di una struttura megagalattica che dovrebbe gestire tutto questo”, spiega il sociologo del lavoro Domenico De Masi, che del libro di Feltri firma l’introduzione: “Se è reddito di inclusione, è una mezza idea buona. Comunque meglio di niente”.

“Non dico che la proposta dei 5 Stelle sia perfetta, ci sono dei punti critici – aggiunge Feltri -. Le loro coperture, a mio avviso, sono sostanzialmente inapplicabili. Ma non è un punto per chiudere il dibattito: è un punto per aprirlo”. Alla domanda se reddito di cittadinanza e flat tax siano provvedimenti compatibili Feltri non ha dubbi: “No, non possono stare insieme, prima di tutto perché è impossibile trovare i soldi per entrambi. Poi non stanno insieme neanche dal punto di vista politico-filosofico: non vedo in questo momento in Italia la priorità di aiutare persone che guadagnano dagli 80 ai 100mila euro all’anno, onestamente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s-Lega, Travaglio: “Aumento spread? Non c’è nessuna connessione con fuga di notizie su contratto di governo”

next
Articolo Successivo

Di Maio a casa dell’ex imprenditore Bramini: “Mi hanno proposto una consulenza per aiutare chi è schiacciato da debiti”

next