L’Huffington Post diffonde i contenuti della bozza del contratto tra Movimento 5 stelle e Lega. Piazza Affari sprofonda, crollando al -2,3 per cento (maglia nera in Europa). E Alessandro Di Battista punta il dito contro “i potenti senza volto” dei mercati. “Cercano di buttare giù un governo non ancora nato”, scrive in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook. Proprio come fece “la congiura dello spread” con l’ultimo esecutivo Berlusconi. Un’accusa, questa, che tutto il fronte del centrodestra ha ripetuto come un mantra negli ultimi anni per denunciare l’insediamento di Mario Monti a Palazzo Chigi nel 2011. E che ora (il centrodestra) sembra quasi ritrattare, con le dichiarazioni dello stesso Berlusconi sull’assenza di un complotto per buttare giù il nascente esecutivo giallo-verde.

“A quanto pare i ‘fantomatici’ mercati sono tornati a farsi sentire”, scrive l’ex parlamentare pentastellato. “Eppure non aprivano bocca quando si massacravano i lavoratori, si tagliavano le pensioni, si regalavano denari pubblici alle banche private o si smantellava, lentamente ma inesorabilmente, lo Stato sociale nei paesi di mezza Europa”. Secondo Di Battista, invece, lo hanno fatto nel 2011, quando lo spread raggiunse quota 574 punti – “a un soffio dal default”, dicono molti economisti – e l’ex Cavaliere fu costretto a dimettersi. “Sapete quel che penso di Berlusconi ma una cosa la voglio dire: l’ultimo governo Berlusconi – un governo per me pessimo – è stato l’ultimo governo nato da un voto popolare“, chiarisce Di Battista. “E più che gli scandali di B. è stata la congiura dello spread ad averlo abbattuto”.

Il politico romano si rivolge direttamente ai parlamentari del Movimento 5 Stelle e della Lega. “Pensate alla patria, non allo spread. Siate patrioti! Siete rappresentanti del Popolo italiano e non emissari del capitalismo finanziario – si legge nel post – Avete il dovere di ascoltare le grida di dolore dei cittadini e non le velate minacce dei congiurati dello spread terrorizzati dall’ipotesi di un governo che torni ad occuparsi dei diritti economici e sociali degli italiani (proprio quei diritti smantellati dalla sedicente sinistra). Ascoltate quel che si dice nei bar, nei mercati (quelli rionali), negli uffici dei piccoli imprenditori, nelle Università o in fila dal medico di base, non quello che esce da qualche consiglio di amministrazione di una banca d’affari”.