Governo M5S-Lega? La mia preoccupazione è immensa. Nessuno più di me può dire che la vera collocazione del M5S è a destra. Lo dico da oltre due anni, cioè da quando i 5 Stelle hanno tradito il patto sulle unioni civili. Stiamo andando verso un governo con due forze politiche che hanno combattuto e contrastato quella legge.”. Sono le parole della senatrice del Pd, Monica Cirinnà, nel corso della trasmissione Ecg Regione, su Radio Cusano Campus. A due anni dall’approvazione della legge sulle unioni civili, la parlamentare esprime il suo timore: “Quello M5S-Lega è un governo di destra, non di centrodestra. Non escludo che possano pensare di rivedere la legge sulle unioni civili. Ecco perché ho chiesto di tornare in commissione Giustizia e ogni giorno mi metterò l’armatura e il casco di guerra. Combatterò ogni giorno per non far togliere neanche una riga dei diritti acquisiti”. E aggiunge: “Non credo che l’accordo tra Salvini e Di Maio possa saltare, perché la loro bramosia di potere e di poltrone è infinita, come abbiamo visto per le nomine della presidenza delle Camere. L’unica cosa che mi fa stare appena appena serena è che comunque Mattarella farà le sue notazioni. E’ evidente che ci siano alcuni nomi su cui non si può scherzare, come quelli del ministro del Tesoro e degli Esteri”. Poi chiosa: “Di Maio agli Esteri? Per carità di Dio. Se i francesi e gli inglesi facevano le risatine parlando di Berlusconi, immaginatevi cosa può accadere parlando di Di Maio. Ci stiamo mettendo sulla scia di Polonia e Ungheria