Siam sempre lì: dipende tutto da Salvini, e già questo fa capire come siam messi. Se lui mantiene la parola data, e dimostra davvero di non voler avallare il governo neutrale del presidente, si va a votare a luglio o al massimo tra settembre e ottobre. Se invece Salvini si fa nuovamente condizionare da Silvio Berlusconi – che, come Matteo Renzi, tutto vuole fuorché votare subito – allora per qualche mese un governicchio può tirare a campare.

Fino a dicembre, come “sogna” Sergio Mattarella (impeccabile e per certi versi toccante il suo discorso di oggi), per poi votare in primavera 2019. Questo, però, significherebbe per Salvini regalare l’opposizione, e quindi i consensi, ai rivali Cinque Stelle. Significherebbe cioè essere molto ricattato da Berlusconi (può essere), oppure essere molto idiota (no di sicuro). Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e lo scrivo dal cinque marzo, “cinicamente” hanno il match point per dare una mazzata senza precedenti a Renzi e Berlusconi.

 

Hanno quindi tutto l’interesse a rivotare subito. Non è detto che il Rosatellum riproporrebbe poi lo scenario attuale. Se anche i 5 Stelle salissero al 35 (dal 32.5) e la Lega al 25 (dal 17), a quel punto potrebbero fare quello che vogliono nel nuovo Parlamento, perché per la Lega diverrebbe molto più facile staccarsi da un B sempre più moribondo, che proprio per questo farà di tutto per aggrapparsi (con Renzi) al governicchio.

Non solo: la coalizione del centrodestra potrebbe pure raggiungere il 40% e governare in maniera autonoma, con un portentoso (?) Salvini I, puntellato da qualche transfuga raccattato alla bisogna. E’ un’ipotesi che reputo più probabile di un Salvimaio o addirittura di un M5S che supera il 40% da solo (no way). Salvini resisterà? Davvero non voterà la fiducia? Davvero deciderà di andare al voto a luglio o settembre? Che Di Maio non voti il governo neutrale di Mattarella è sicuro, che non lo voti Salvini è probabile ma non sicuro. Ed è qui che risiede l’unica variabile che ci separa dalla certezza del voto iper-anticipato: uno scenario orrido, e siam d’accordo, ma con questi numeri non c’erano altre strade.

Per avere un governo politico, doveva accadere una di queste tre cose:

1. Salvini che si staccava da Berlusconi;

2. il Pd che si emancipava da Renzi;

3. Salvini che inciuciava con Renzusconi.

La prima opzione era difficile, la seconda impossibile, la terza ha ancora qualche chance e sarebbe la tragedia delle tragedie.

Tra un voto nuovo e l’ennesimo inciucio putrido, il male minore – sempre di “male” parliamo – è rivotare subito. Quindi a luglio o massimo (e forse meglio) in autunno. Altre strade, purtroppo, con questi numeri e questi leader non ci sono. Era già chiaro il 4 marzo sera: basta con questa pantomima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Consultazioni, Toninelli (M5s) frena Mattarella: “Governo di Garanzia? Assolutamente no”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, la strategia di Matteo Salvini è vincente: la Lega vola al 24,4 per cento e cannibalizza Forza Italia. Stabili M5s e Pd

next