Dovevano tenere sotto controllo la Reggia di Caserta. Invece, durante l’orario di lavoro, si assentavano per ore, per mangiare una pizza o svolgere commissioni personali, rendendo il lavoro dei ladri ancora più semplice. È stato proprio durante le indagini per il furto dell’incasso alla buvette della Reggia che la Polizia di Stato li ha scoperti. Due misure cautelari – obbligo di firma prima di entrare in servizio e dopo avere terminato l’orario di lavoro – sono state notificate stamattina dagli agenti della Squadra Mobile di Caserta, coordinata da Filippo Portoghese, a due dipendenti del Mibact, addetti ai servizi di vigilanza nella Reggia di Caserta.

Si tratta di Giovanni Maiale e di Raffaele Narciso che, secondo quanto emerso dall’attività investigativa, dopo avere timbrato l’ingresso in servizio, lasciavano il posto di lavoro per svolgere commissioni o andare a mangiare una pizza. In alcune occasioni sono anche tornati direttamente a casa per poi ripresentarsi, a fine turno, solo per vidimare l’uscita. I reati che la Procura di Santa Maria Capua Vetere ipotizza sono truffa aggravata e continuata, e false attestazioni sulla presenza in servizio. Altri quattro dipendenti della Reggia risultano indagati.

Maiale e Narciso sono stati scoperti dalla polizia grazie a pedinamenti e intercettazioni video-ambientali. Gli episodi di assenteismo risalgono ai mesi di settembre, ottobre e novembre 2016. Gli inquirenti, attraverso una nota, sottolineano il danno arrecato al Mibact che non riguarda solo lo stipendio percepito immeritatamente ma, soprattutto, il danno patrimoniale e di immagine derivante dalla mancata vigilanza nella Reggia vanvitelliana, sito Unesco. Assentandosi dal posto di lavoro, hanno “esposto la Reggia al rischio di atti di vandalismo e non solo”, spiega il procuratore di Santa Maria Capua Vetere, Maria Antonietta Troncone. Secondo gli investigatori, infatti, il furto in questione sarebbe stato “agevolato evidentemente proprio dalla mancanza di sorveglianza” che i due destinatari della misura cautelare “avrebbero dovuto assicurare”.