“Il mondo ci guarda. Abbiamo una grande responsabilità, dentro e fuori lo Stadio Olimpico”. Non ci sono solo le misure di prevenzione messe in atto da questura, Comune e prefettura in vista della ritorno della semifinale di Champions, Roma-Liverpool. Anche l’ex capitano giallorosso Francesco Totti prova a creare il clima giusto per la partita con un messaggio rivolto a tutti i tifosi: “Da qualche ora abbiamo iniziato a colorare la nostra città di giallorosso. Il mondo ci guarda e noi vogliamo vestire Roma con il suo abito migliore: siamo i suoi ambasciatori, abbiamo una grande responsabilità”.

L’invito di Totti è a supportare la squadra allenata da Eusebio Di Francesco, chiamata a una rimonta simile a quella con il Barcellona dopo il 5-2 dell’andata, “con l’amore e la passione che ci contraddistinguono, facciamo in modo che i nostri sguardi e quelli dei calciatori non siano distolti dal campo: ora più che mai è quello il centro del nostro universo”. Sul sito della società, l’ex capitano aggiunge. “Mercoledì, in ogni luogo di Roma, dovremo dimostrare una volta ancora di saper trasmettere i nostri valori: quelli dello sport, dell’accoglienza e del rispetto degli avversari“.

La preoccupazione delle forze dell’ordine è alta dopo gli scontri prima del match d’andata ad Anfield Road nel quale è rimasto gravemente ferito un tifoso inglese. Il piano per la sicurezza prevede l’impiego di mille agenti e l’attenzione puntata verso i 5mila tifosi del Liverpool. Tra loro, una cinquantina di hooligans ritenuti pericolosi e dunque tenuti sotto stretta osservazione. Per questo motivo dalla mezzanotte di martedì è scattato il divieto di vendita e trasporto di bevande alcoliche e in bottiglie di vetro. Valido nel centro storico e anche in tutta la zona dell’Olimpico e di San Giovanni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liverpool-Roma, arrestati due tifosi giallorossi per tentato omicidio. In coma il sostenitore dei Reds

prev
Articolo Successivo

Champions, il Real è una macchina da finali con targa italiana: il pragmatismo di Zidane dopo il montaggio di Ancelotti

next