Si sono precipitati in incognito all’Albert Pub di Liverpool armati di cinture e martelli. E hanno provocato un grave trauma cranico a un 53enne sostenitore dei Reds. L’uomo, Sean Cox, si trova ora in coma al Centro neurologico di Walton. I colpevoli, due tifosi della Roma (il 21enne Filippo Lombardi e il 29enne Daniele Sciusco) sono stati arrestati dalla polizia con l’accusa di tentato omicidio. La vittima si trovava a Liverpool con il fratello per vedere la partita di Champions League tra Liverpool e Roma, quando è stata aggredita durante uno scontro tra tifosi intorno alle 19.30. “Secondo alcuni testimoni l’uomo è stato colpito da una cintura prima di crollare a terra”, ha dichiarato l’ispettore di polizia Paul Speight. Immediati i soccorsi, che lo hanno trasportato in gravissime condizioni al Centro neurologico di Walton.

Le forze dell’ordine britanniche hanno confermato che lo scontro è stato causato da un gruppo di tifosi giallorossi che non erano vestiti con i colori del loro club. In tutto sono stati fermati cinque uomini per diversi reati, fra cui possesso di armi offensive, possesso di droghe leggere, atti vandalici e ubriachezza. Sull’episodio è intervenuta anche la Uefa, che in una nota si è detta “profondamente scioccata dal vile attacco” e ha rivolto un pensiero “alla vittima dell’aggressione e alla sua famiglia”. Dura condanna per i due tifosi della Roma accusati di tentato omicidio: “Gli autori di questo attacco ignobile non hanno posto nel calcio e confidiamo che saranno trattati con la massima severità dalle autorità”. La conclusione della nota, invece, è rivolta alla possibilità di eventuali sanzioni per la società: “Restiamo in attesa di ricevere i rapporti completi prima di decidere sulle potenziali accuse disciplinari” ha scritto l’Uefa.

Non è mancata la presa di posizione della società giallorossa, che con un comunicato sul proprio sito internet ha condannato “nella maniera più dura possibile l’aberrante comportamento di una ristretta minoranza di tifosi in trasferta che, coinvolti negli scontri con i sostenitori del Liverpool nel prepartita di ieri, hanno arrecato vergogna al Club e alla stragrande maggioranza dei romanisti che hanno avuto una condotta esemplare ad Anfield”. “Non c’è posto per comportamenti così vili nel mondo del calcio – ha scritto la Roma – Il Club ha offerto la propria collaborazione al Liverpool FC, alla UEFA e alle autorità. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono rivolti al tifoso del Liverpool ricoverato in ospedale e alla sua famiglia”.

Sean Cox era arrivato a Liverpol in compagnia del fratello dall’Irlanda per assistere alla semifinale d’andata di Champions League. Cox, descritto come un ‘cardine’ della sua comunità da un consigliere locale, è un ex presidente del St Peter’s, locale squadra della Gaelic Athletic Association (GAA) a Dunboyne, nella contea di Meath. “Speriamo tutti che Sean riceva le cure mediche di cui ha bisogno e che faccia una piena e rapida guarigione. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con Sean e la sua famiglia” si legge in un comunicato stampa del club. Al fianco del tifoso inglese è arrivata a Liverpool dall’Irlanda la moglie. Secondo quanto riferisce l’Irish Independent, i due hanno due figli grandi rimasti a casa in attesa di notizie. Le ultime informazioni dal Centro neurologico Walton Hall parlano di “gravi lesioni cerebrali” per Cox, che avrebbe sbattuto la testa dopo essere stato aggredito dai tifosi romanisti armati di cinture. Intanto i due tifosi romanisti arrestati sono in queste ore detenuti dalla polizia e soggetti a interrogatorio. Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, a identificare i due sono stati gli agenti della Digos che viaggiavano in incognito al seguito dei tifosi giallorossi. Esaminate le immagini delle telecamere di sicurezza, Lombardi e Sciusco sono stati riconosciuti, successivamente fermati sugli spalti dello stadio durante la partita e infine dati in consegna alle autorità inglesi.