Per la prima volta a Torino i rider di Foodora hanno partecipato al corteo del Primo maggio (leggi l’inchiesta sui lavoratori del food delivery). Durante il corteo i rider insieme ad altri precari hanno sanzionato una delle sedi di Eataly per protestare contro l’utilizzo della pitattaforma del sistema di consegne e dell’alternanza scuola-lavoro

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primo maggio, l’amarezza dell’operaio dell’Ilva: “Solo una cosa è cambiata in questi anni, ci sono sette colleghi in meno”

next
Articolo Successivo

Primo maggio, shopping? Sì, se a lavorare sono gli altri. Vox tra i negozi aperti, commessa: “Bello stare coi propri cari”

next