È arrivato a bordo di un cellulare della polizia penitenziaria, protetto dagli agenti per evitare che venisse fotografato e ripreso all’entrata della chiesa. Una volta dentro, Massimo Bossetti, condannato in appello all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, non ha solo preso parte ai funerali di Ester Arzuffi, ma ha anche parlato dal pulpito della chiesa della Dorotina, un quartiere di Mozzo, nel Bergamasco.

Il particolare del saluto alla madre, scomparsa sabato dopo una lunga malattia, è riportato dal sito del Corriere della Sera: il presunto assassino della ragazzina di Brembate, scomparsa nel novembre 2010, avrebbe concluso il suo discorso con un “grazie mamma”.

Alle esequie hanno preso parte anche la moglie Marita Comi e la sorella dell’uomo, Laura Letizia Bossetti, che sia all’arrivo che alla fine della cerimonia funebre hanno lasciato la chiesa evitando di parlare con i giornalisti. C’è stato anche qualche momento di tensione tra un’amico della famiglia e una troupe televisiva perché l’uomo, che ha usato anche parole minacciose, non voleva che si riprendesse l’uscita del feretro e dei presenti.

La volontà della famiglia sono state affidata a don Giulio Albani che mezz’ora prima della messa si è avvicinato a giornalisti, fotografi e cameramen per comunicare che il funerale si sarebbe svolto “a porte chiuse, riservato ai familiari”. Bossetti, nel 2015, aveva preso parte anche ai funerali del padre Giovanni, scomparso nel giorno di Natale. In quell’occasione aveva detto: “Senza genitori non si è nessuno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alpi Bellunesi, morti due giovani del Soccorso alpino: scivolati in un canale

next
Articolo Successivo

Concerto Primo Maggio, Lo Stato Sociale apre con “Mi sono rotto il cazzo” e cita Casellati, Della Cananea e Montezemolo

next