Ester Arzuffi, madre di Massimo Bossetti, è morta nella notte in ospedale a Ponte San Pietro (Bergamo). Aveva 71 anni ed era malata di tumore da tempo. “Chiederemo che possa partecipare ai funerali della mamma”, ha detto Claudio Salvagni, legale del muratore condannato in appello all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio. Le esequie si terranno in forma privata martedì 1 maggio.

La donna si era sempre detta convinta dell’estraneità del figlio rispetto al delitto che vide vittima la tredicenne di Brembate di Sopra, scomparsa il 26 novembre del 2010 e trovata uccisa tre mesi dopo in un campo a Chignolo d’Isola, sempre nel Bergamasco. Aveva anche sempre negato che Massimo fosse figlio di Giuseppe Guerinoni, l’autista di autobus di Gorno scomparso nel 1999, come invece accertato nelle indagini. All’uomo gli investigatori erano giunti esaminando il dna trovato sul corpo della ragazza che, una volta comparato, risultò essere di Bossetti. Il muratore bergamasco è in attesa del processo in Cassazione che comincerà il 12 ottobre.

Il test del Dna e la relazione con Guerinoni – L’arresto di Bossetti è avvenuto a seguito del campione di Dna che gli era stato prelevato nel corso di un falso controllo dell’etilometro, e che era risultato coincidere con quello di Ignoto 1. A lui gli investigatori erano giunti attraverso Ester Arzuffi che, secondo l’accusa, aveva avuto una relazione extraconiugale con Giuseppe Guerinoni. E proprio da quella relazione, il 28 ottobre del 1970 è nato Massimo Giuseppe Bossetti, (che porta anche il nome del padre biologico), e con lui anche una sorella gemella, Laura Letizia, il cui primo nome, tra l’altro, è lo stesso della moglie di Guerinoni. Due gemelli, dunque, cresciuti nella famiglia Bossetti senza aver mai saputo probabilmente che Giovanni Bossetti. Ma la donna, aveva spiegato a un’amica dopo i risultati del test del Dna, aveva detto che il figlio fosse del marito Giovanni. La coppia Bossetti, tra l’altro, ha avuto un figlio, Fabio, che risulta fratellastro di Massimo e Laura Letizia.

Ma anche Laura Guerinoni, la moglie di Giuseppe – che con lui ha avuto tre figli – ha sempre respinto con forza l’idea che il marito, già sposato e con figli all’epoca, avesse potuto frequentare un’altra donna e avere addirittura un figlio da lei. E anche i tre figli di Laura Guerinoni hanno dovuto fare i conti con l’idea di avere due fratelli che non hanno mai conosciuto, uno dei quali che in carcere per aver ucciso Yara. E ancora, seguendo sempre i risultati delle analisi alla base dell’inchiesta, il nonno dei tre figli del muratore di Mapello non sarebbe Giovanni Bossetti ma Giuseppe Guerinoni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volvo, cronaca di un’ascesa. Ecco tutti i piani, dalla Cina all’elettrico

next
Articolo Successivo

Ramelli, cimitero Maggiore di Milano blindato contro i neofascisti. E il Campo X rimane deserto

next