Monica Mondardini lascia l’incarico di amministratore delegato di Gedi, l’ex gruppo Espresso. Lo ho comunicato la manager durante l’assemblea dei soci del gruppo editoriale che si è tenuta giovedì mattina a Roma. Al suo posto, su proposta fatta al cda dal presidente Marco De Benedetti, subentrerà Laura Cioli, ex numero uno di Rcs Media Group. Mondardini resterà nel gruppo in qualità di amministratore delegato di Cir, azionista di controllo di Gedi, e De Benedetti ha anche proposto la sua nomina a vicepresidente insieme a John Elkann.

“Sono stati nove anni molto impegnativi, per le sfide che il settore ha affrontato e dovrà continuare ad affrontare – ha detto Mondardini – Gedi ha saputo anticipare le evoluzioni e reagire nel modo più opportuno”. “Nove anni fa abbiamo pensato che Monica Mondardini fosse la persona giusta per guidare il Gruppo Espresso in un momento molto delicato del settore dell’editoria”, ha aggiunto il figlio dell’Ingegnere. “I risultati dimostrano che è stata la scelta migliore che si potesse fare. La dottoressa Mondardini ha assunto la gestione del gruppo nel 2009 proprio quando, da un lato la crisi economica e dall’altro la trasformazione digitale, hanno iniziato a far sentire pesantemente i propri effetti sui ricavi delle aziende editoriali. Sotto la sua guida ha reagito con grande efficacia distinguendosi sul mercato con risultati economici sempre positivi, per le iniziative di sviluppo digitale che l’hanno resa leader nel settore e per la grande operazione di integrazione con Itedi”.

Il testimone passa alla Cioli, manager di lunga esperienza con ruoli di vertice anche nel settore dei media. Direttore generale di Sky dal 2008 al 2012, nel 2015 fu nominata ad di Rcs Media Group fino all’agosto del 2016, quando ha dato le dimissioni dopo che Urbano Cairo ha conquistato il controllo del gruppo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Internet, dieci regole per far sopravvivere la Rete

next