“Riuscire a stare qui è una vittoria per me. Avevo 24 anni, oggi ne ho 98”. Iole Mancini, partigiana, aveva 24 anni durante la Liberazione, oggi ne ha 98. “E sono felice di esserci perché ogni anno penso che sia l’ultimo. Ma poi forse la mia generazione forte e la mia tenacia mi portano qui per festeggiare”. “Io avevo 15 anni”, dice Mario Di Manlio, partigiano anche lui, mentre una macchina li porta attraverso il corteo per la Liberazione organizzato oggi dall’Anpi a Roma. “Col carrettino del gelatai andavo alla Caserma in Santa Croce in Gerusalemme e caricavo i moschetti. Una volta ho incontrato un tedesco, credevo mi ammazzasse anche perché non li capivo. Ma sono riuscito a portare le munizioni ai compagni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, a Milano fischi e urla contro la Brigata Ebraica e gli ex deportati dei Lager

next
Articolo Successivo

25 aprile, tensione al corteo di Milano: fischi e proteste contro la Brigata Ebraica

next