Aveva un arsenale da guerra nascosto nell’auto. Per questo un cittadino bosniaco è stato fermato dai carabinieri mentre percorreva l’autostrada A34 a bordo di una Peugeot 206 con targa svizzera. I militari hanno intercettato l’uomo, proveniente dalla Slovenia, mentre si trovava nel tratto tra Villesse e Gorizia, in Friuli Venezia-Giulia.

Nell’auto sono state trovate due pistole-mitragliatrici Skorpio, 6 fucili mitragliatori kalashnikov, una carabina calibro 22, un fucile a pompa, un gruppo ottico per fucili di precisione, svariati caricatori e munizionamento specifico.

La destinazione finale dell’uomo sarebbe stata Barcellona. Gli investigatori lo hanno dedotto da alcune indicazioni contenute in diversi foglietti ritrovati nell’abitacolo. Del rinvenimento sono stati informati gli organismi di polizia europea ed è stato attivato il protocollo Interpol per il terrorismo internazionale.

Al momento non è esclusa alcuna ipotesi in merito all’uso cui erano destinate le armi sequestrate: potrebbe trattarsi di organizzazioni del terrorismo internazionale oppure di rifornimento alla malavita organizzata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili