Aveva un arsenale da guerra nascosto nell’auto. Per questo un cittadino bosniaco è stato fermato dai carabinieri mentre percorreva l’autostrada A34 a bordo di una Peugeot 206 con targa svizzera. I militari hanno intercettato l’uomo, proveniente dalla Slovenia, mentre si trovava nel tratto tra Villesse e Gorizia, in Friuli Venezia-Giulia.

Nell’auto sono state trovate due pistole-mitragliatrici Skorpio, 6 fucili mitragliatori kalashnikov, una carabina calibro 22, un fucile a pompa, un gruppo ottico per fucili di precisione, svariati caricatori e munizionamento specifico.

La destinazione finale dell’uomo sarebbe stata Barcellona. Gli investigatori lo hanno dedotto da alcune indicazioni contenute in diversi foglietti ritrovati nell’abitacolo. Del rinvenimento sono stati informati gli organismi di polizia europea ed è stato attivato il protocollo Interpol per il terrorismo internazionale.

Al momento non è esclusa alcuna ipotesi in merito all’uso cui erano destinate le armi sequestrate: potrebbe trattarsi di organizzazioni del terrorismo internazionale oppure di rifornimento alla malavita organizzata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Concorso ippico Roma, cronistoria di una febbre da cavallo

prev
Articolo Successivo

Naufragio di migranti, il barcone si rovescia tra le urla di panico. I soccorritori costretti a tuffarsi

next