“Ho già scritto ad Orfini: trovo inopportune le dichiarazioni di tutte i miei colleghi del Partito Democratico che qualche minuto dopo l’ufficializzazione dell’incarico a Roberto Fico, si sono affrettati a dire quello che pensano. Lo trovo poco rispettoso nei confrontanti di sia di Fico che del Presidente Mattarella”. Francesco Boccia protesta per le posizioni espresse in casa dem ancor prima di aver incontrato il Presidente Fico, che oggi pomeriggio ha ricevuto il mandato esplorativo dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Siccome stiamo facendo dei sacrifici enormi per tenere unito il Pd e ogni volta questo sacrifico lo fa la ‘minoranza’ che pur non condividendo la linea del partito, abbiamo accettato il rinvio dell’assemblea del partito, abbiamo accettato che la nuova Direzione nazionale venisse fatta dopo ben tre consultazioni, e questa di Fico e la quarta, però la pazienza ha un limite”. E ancora: “Dopo cinquanta giorni di pantomima e di perdita di tempo c’è un indirizzo chiaro del Presidente Mattarella: la verifica delle condizioni possibile di un dialogo tra M5S e PD. Almeno noi – sottolinea Boccia – dovremmo avere rispetto per questo indirizzo. Ma se invece c’è qualcuno che anticipa i tempi, poi non si può lamentare se le minoranze chiedono, anche arrabbiandosi un po’, direzioni urgenti. Non l’abbiamo chiesta prima, perché non ci sembrava rispettoso, ma questo modo di fare – continua il deputato dem – conferma che alla fine è necessario su questi temi confrontarsi presto e contarci”. Boccia conferma la fiducia nel segretario reggente Maurizio Martina, ma verso la maggioranza del partito a trazione renziana non le manda a dire: “Rappresentano la maggioranza congressuale di un anno e mezzo fa e da allora è cambiato il mondo, ci sono state le elezioni politiche, le abbiamo perse e male: pensare di congelare tutto perché c’è qualcuno che ritiene che non si debba neppure ascoltare ciò che hanno da dire gli altri lo ritengo folle. Così – conclude Boccia- non si può più andare avanti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

De Luca: “Il Pd vive come gli ebrei negli anni delle leggi razziali: braccati, umiliati e senza patria”

prev
Articolo Successivo

Governo, De Luca: “Alleanza con M5S? Chiariscano se siamo delinquenti”. E ipotizza “appoggio esterno”

next