Il Padiglione Satellite del Salone del Mobile, in questi giorni a Milano, ospita i migliori designer mondiali, selezionati ed in gara per il Satellite Award, per la prima volta, quest’anno, assegnato ad un italiano, Stefano Carta Vasconcellones. Stefano fa parte della risicata percentuale di connazionali presenti all’esposizione: 11 su 150. “Mancano strumenti ed aiuti finanziari” denunciano i giovani, tutti under 35 “alcuni fanno un secondo lavoro con il quale si finanziano i prototipi”. A loro abbiamo chiesto quanto sia urgente avere un nuovo Governo ed il voto alle forze politiche in lizza per formarlo non è mai andato oltre “un sei d’incoraggiamento”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fuorisalone 2018, Milano invasa dai design victim. Dall’architettura celeste di Fornasetti alla casa futuristica di Louis Vuitton

next
Articolo Successivo

Crozza-Fuffas e le follie del Salone del mobile di Milano: “Fuorisalone? Al terzo cocktail si comprano anche i tavoli storti”

next