Non fatevi ingannare dal nome: il nuovo marchio Automobili Pininfarina, con la Pininfarina originale non c’entra nulla, o quasi. Il brand, infatti, è indipendente dalla celebre ed omonima firma del design italiano. Anche se, inevitabilmente, si avvarrà dei suoi servizi di ingegneria.

La nuova marca nasce grazie alla sinergia con l’indiana Mahindra – che controlla la stessa Pininfarina – e punta a mettere sul mercato, entro il 2020 (perfettamente in tempo per i 90 anni di Pininfarina) una hypercar elettrica da 2 milioni di euro, in grado di superare i 400 all’ora, toccare i 300 da fermo in meno di 12 secondi e capace di un’autonomia di 500 km.

Lo stile dell’auto sarà curato nel polo italiano della compagnia, dalla matita di Luca Borgono (che ha lavorato in Lamborghini e Pininfarina), ma il suo centro amministrativo sarà a Monaco di Baviera, in Germania. Tedesco anche l’amministratore delegato, Michael Perschke, ex Audi, Mercedes e VW.

Non ci sono dettagli sul sito produttivo, ma non è escluso che possa essere ubicato in Italia. Si parlava di Mahindra poche righe sopra: la multinazionale di Mumbai parteciperà al progetto finanziariamente e fornendo il know-how tecnico sul sistema di propulsione elettrico, sfruttando anche l’esperienza maturata in Formula E dalla sua divisione Racing.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina, niente più limiti ai capitali stranieri nelle joint venture dell’auto

next
Articolo Successivo

Consulta, non c’è l’accordo in Parlamento: fumata nera sul nuovo componente laico. Corte da un anno con un giudice in meno

next