Il Festival di Cannes (8-19 maggio) rende omaggio a Jean-Luc Godard e dedica il poster ufficiale della sua 71° edizione a Il bandito delle 11 (1965).


A campeggiare al centro della locandina della kermesse francese è infatti l’iconico bacio tra Jean-Paul Belmondo e Anna Karina, magnifico scatto di scena realizzato dal fotografo Georges Pierre e reinterpretato in chiave pop per l’occasione  dalla graphic designer Flore Maquin. La presentazione del programma della rassegna diretta da Thierry Fremaux e presieduta da Cate Blanchett è invece prevista per domani a Parigi.

Ispirato alla storia vera del bandito Pierre Carrot – da cui il titolo originale francese Pierrot le fue Il bandito delle 11 si offre come una summa del Cinema del primo Godard, non ancora influenzato dalle esperienze sessantottine. Indossando i panni dell’opera romantica, il lungometraggio riprende il tema della fuga già esplorato dall’autore francese nel folgorante esordio di Fino all’ultimo respiro (1960), assumendolo però a spunto per una più profonda analisi della società borghese e delle sue storture, della vita di coppia e dell’incomunicabilità dei sentimenti. Attraverso uno spregiudicato sperimentalismo – segnalato da un uso del colore del tutto inedito e da una narrazione fortemente destrutturata – i 110 minuti del film scorrono in un crescendo rossiniano estinto solo dal più memorabile (e inevitabile) degli epiloghi cinematografici: salito in cima a una collina, Belmondo si tinge il viso di blu e, indossata una collana di candelotti di dinamite rossi e gialli, si fa saltare. Non prima di un ultimo, inutile attimo di ripensamento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Loro’, ovvero come Paolo Sorrentino ha archiviato B.

prev
Articolo Successivo

Festival di Cannes 2018, ecco i film in concorso. Grande assente? Sorrentino (e anche Netflix resta fuori)

next