“Quanto prendo di vitalizio dopo tre legislature? Non ne ho idea di preciso. Credo 2mila e rotti euro, poco più o poco meno. Non lo so”. Così a Otto e Mezzo (La7) Maurizio Paniz, avvocato ed ex parlamentare di Forza Italia, risponde alla conduttrice Lilli Gruber sull’entità del proprio vitalizio. Paniz, uno dei principali osteggiatori dell’annunciato taglio dei vitalizi da parte del M5s, aggiunge: “Bisognerebbe chiedere alle mie segretarie quanto prendo di vitalizio. Un professionista come me, che ha 40-50 persone a cui badare, evidentemente non si occupa di queste piccole cose. Se vuole, faccio controllare alla mia segretaria amministrativa e le do le copie dei bonifici che arrivano.”. Poi si spiega la sua battaglia a favore dei vitalizi: “Faccio l’avvocato e, come tale, voglio che lo stato di diritto venga rispettato. Non sarebbe rispettato se andasse avanti quanto è stato annunciato da Di Maio. Le regole in uno stato di diritto vanno rispettate, piacciano o non piacciano alla pancia del Paese”. Lo scrittore Paolo Di Paolo, ospite in studio, osserva: “Se i politici non affrontano o affrontano con arroganza il tema dei vitalizi, la percezione del Paese sarà peggiorativa sulla questione. L’avvocato Paniz con aria di sufficienza ha detto di non sapere quanto prende di vitalizio. Ma va bene, probabilmente guadagna molto e quindi si perde nel mucchio”. Paniz conferma di guadagnare molto: “Sono un professionista che lavora, anche il sabato e la domenica. E ne sono orgoglioso”. Dopo diversi minuti, Gruber annuncia che, dopo una ricerca sul sito della Camera dei deputati, si è appreso che il vitalizio di Paniz ammonta a 2200 euro netti al mese. E conferma di guadagnare molto di più col suo studio legale. “E’ un uomo doppiamente fortunato”, commenta la giornalista. E Paniz replica, piccato: “Non sono un uomo doppiamente fortunato. Sono partito da sotto zero, non da zero, e mi sono costruito giorno per giorno il mio lavoro con la fatica, con la serietà e con l’impegno”. “Sì, ma cosa c’entra coi vitalizi?”, ribatte Gruber. “E’ lei che ha toccato il tema del mio reddito e della mia professionalità, non io”, risponde l’avvocato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi, Cardinali (Il Vernacoliere) vs Lavia: “Io mi sono laureato con tesi in diritto costituzionale. Lei avrà una laurea in negazione”

next
Articolo Successivo

Berlusconi, Tecce a Paniz: “Lei sostenne ‘Ruby nipote di Mubarak'”. “Avevo ragione”. Scontro sui vitalizi

next