Altro progetto è ‘Atlantide 2’, presentato a febbraio scorso. Nato dalla collaborazione tra Angsa Piemonte onlus e la società cooperativa sociale di Rivarolo ‘Andirivieni’, è stato finanziato dalla Fondazione Crt, attraverso il bando ‘Vivo Meglio’. Oltre alla costruzione di una rete integrata che accompagni la persona autistica nel passaggio dall’età scolastica a quella adulta, l’obiettivo è anche quello di attivare un sistema di qualità di collocamento specifico. Sono previste due attività: un percorso formativo di 30 ore tenuto da esperti di livello nazionale e rivolto agli operatori del settore su tematiche come l’alternanza scuola/lavoro e i laboratori occupazionali e una sperimentazione pratica in ambiti occupazionali, che coinvolgerà alcuni giovani adulti autistici individuati in collaborazione con i Servizi Sociali e l’Asl Torino 4, partner del progetto. Saranno coinvolti 12 giovani adulti con autismo ad alto funzionamento (Sindrome di Asperger) e altri 8 con basso e medio-alto funzionamento che frequentano le scuole superiori del territorio.

È quasi in dirittura d’arrivo, invece, il progetto PizzAut. Lo scorso anno è stata avviata una raccolta fondi per aprire la prima pizzeria gestita da ragazzi autistici a Monza e manca davvero poco. “Nell’attesa di aprire il nostro ristorante per il quale abbiamo già diversi contatti – spiega a ilfattoquotidiano.it Nico Acampora, papà di un bimbo autistico di 9 anni, educatore di professione e fondatore del progetto – stiamo raccogliendo gli ultimi fondi necessari con quelli che chiamiamo gli ‘assaggi di PizzaAut’. Siamo ospiti di alcuni ristoranti che consentono ai nostri ragazzi di lavorare con i loro camerieri e i loro pizzaioli”. Si realizza così un momento di inclusione e di formazione professionale, ma anche un’occasione per continuare a parlare con le persone di autismo. “Entro fine anno avremo il nostro ristorante – spiega Acampora – ma abbiamo deciso che continueremo con gli ‘assaggi di PizzaAut”. Il calendario è già fitto. In questi giorni sono stati a Palermo, il 21 aprile sarà la volta di Albenga (in Liguria) e poi a Como, e Lecco. Come un tour in giro per l’Italia. Lenta, ma non sempre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, prima gli idranti poi la burocrazia. Scade l’ospitalità per gli sgomberati di piazza Indipendenza: “Non sappiamo dove andare”

prev
Articolo Successivo

Obiezione di coscienza, chi demonizza la prevenzione assicura l’aborto

next